Il Vittoriale degli italiani

Il Vittoriale degli italiani

Il Vittoriale è l’ultima residenza del Vate a Gardone Riviera che, fino all’inizio dell’emergenza sanitaria, era meta di quasi 300’000 persone all’anno. E’ un parco-casa-museo che rispecchia la bizzarria del suo ultimo proprietario. Il luogo è bellissimo e durante le chiusure tutto il complesso è stato rimesso a nuovo grazie a cinque cantieri di restauro.

Tra le tante cose vi sono decine di migliaia di volumi di Gabriele D’Annunzio. ll Vittoriale degli Italiani, l’ultima residenza di Gabriele d’Annunzio, ha da poco compiuto un secolo. Era infatti il febbraio del 1921 quando il Vate decise di auto-esiliarsi a Gardone Riviera, luogo allora raggiungibile non certo agevolmente come oggi.

“Ho trovato qui sul Garda una vecchia villa appartenuta al defunto dottor Thode – scriveva d’Annunzio in una lettera indirizzata alla moglie Maria Hardouin -. È piena di bei libri… Il giardino è dolce, con le sue pergole e le sue terrazze in declivio. E la luce calda mi fa sospirare verso quella di Roma. Rimarrò qui qualche mese, per licenziare finalmente il Notturno“.

La storia del Vittoriale

In effetti il Vate visse e lavorò in quello che sarebbe diventato il Vittoriale degli Italiani fino al primo marzo 1938, quando morì a 75 anni.Adagiato sulla riva bresciana del Lago di Garda, oggi il Vittoriale è la casa-museo più visitata d’Italia. E’ gestito da una Fondazione.  Comprende edifici, piazzette, corsi d’acqua, istallazioni, spazi espositivi, un anfiteatro all’aperto, una nave incastonata nel promontorio e il mausoleo del poeta.

I reperti storici contendono spazi alla natura tipica del lago, in un itinerario di rara bellezza. Il visitatore è accolto all’ingresso da due archi monumentali che segnano l’inizio di un viaggio comprendente, tra l’altro, il complesso monumentale, la prioria (l’abitazione del Vate ricchissima di presenze simboliche e retaggi storici), il museo d’Annunzio eroe, l’auditorium, il museo del d’Annunzio segreto, il parco, lo spazio dedicato alle imprese del Mas 96, parti della nave Puglia, il grande anfiteatro sotto le stelle e il laghetto delle danze.

Foto di Augusto Rizza

A presiedere il Vittoriale degli Italiani è il giornalista e storico Giordano Bruno Guerri, uno dei maggiori studiosi e conoscitori dell’opera dannunziana. La Fondazione ha completamente restaurato la piazzetta dalmata, quella dell’esedra, le facciate della Prioria finalmente ripulite e ben leggibili in marmo rosso veronese. Il Vittoriale degli Italiani è comunque un luogo unico al mondo, un parco e una casa concepiti da un poeta, visionario del passato e del futuro, che crea suggestioni e consente di compiere un viaggio nel tempo, perché tutto è rimasto immutato dal primo marzo 1938. Gli interni contengono un’accozzaglia di suppellettili variopinte di un personaggio che ha rappresentato l’Italia umbertina: anticlericale, promiscuo, guerrafondaio, megalomane, iper nazionalista e scialacquatore di denari propri e altrui.

Il contributo di D’Annunzio

Osannato e lusingato come solo in Italia può essere possibile. D’Annunzio era un satiro dall’estro letterario sublime che ancora oggi sorprende per la sua passione per il bello e l’antico. Tra le altre cose sono sue sono le espressioni “Vigili del Fuoco” e la “Rinascente” per riferirsi ai magazzini Bocconi ricostruiti dopo un incendio. Ma il Vittoriale è anche un centro che permette innumerevoli attività di ricerca: “Abbiamo i 33mila volumi di d’Annunzio, molti dei quali annotati – prosegue Guerri – Altri 10mila che abbiamo accumulato noi negli anni, 3 milioni di pezzi d’archivio, quasi totalmente digitalizzati, che solo nel 2019 hanno richiamato 240 studiosi da tutto il mondo.”

Foto di Marco Beck Peccoz

Informazioni pratiche

Orari di apertura

Tutti i giorni dalle 9.00 alle 20.00

Visite guidate:

Durata della visita della casa: mezz’ora

La visita alla Casa di Gabriele d’Annunzio è sempre guidata e dura circa mezz’ora. Si entra in gruppi di otto persone alla volta. Per questo motivo i biglietti sono a numero limitato. E’ consigliato l’acquisto online fino alla sera prima della visita.

L’orario della visita della Casa, segnalato anche sul biglietto d’ingresso del Vittoriale, è tassativo e legato al turno di accesso.
Consigliamo quindi di arrivare sempre con largo anticipo e, in attesa dell’orario prenotato, visitare gli spazi espositivi che si trovano all’interno del Vittoriale.

Come arrivare:

Via al Vittoriale, 12
25083 Gardone Riviera, Brescia, Italia

Ingresso alla Villa

Iscritti FAI: ingresso gratuito

Intero: € 18 

Gratuio (7-18 anni): € 6

Bambini fino ai 6 anni: ingresso gratuito

Per acquistare il biglietto:

www.vittoriale.it

Michele Caracciolo

Giornalista professionista, bocconiano, ha lavorato nell’ufficio stampa di una multinazionale. Dal 2014 è partner dell’agenzia di relazioni pubbliche CRP specializzata in clienti industriali a Ginevra. Abita tra Ginevra e Milano e ha collaborato con la redazione milanese dell’AFP (Agence France Presse – Class Editori), con La Stampa e Il Giornale scrivendo di sport e di viaggi. E’ membro dell’Advisory Board della Camera di Commercio Italiana per la Svizzera ed è docente a contratto di comunicazione d’impresa presso l'IFM Business School"

Related Posts

Jean Capodistrias a Ginevra

Jean Capodistrias a Ginevra

Kultura per la pace in Ucraina

Kultura per la pace in Ucraina

La Fondation Parallèle: un ricco spazio culturale

La Fondation Parallèle: un ricco spazio culturale

Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti