Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

La mostra La Fabrique de Dante espone cento libri perché cento sono i canti della Divina Commedia. Con Paola Proietti abbiamo deciso di presentare ai lettori ogni mese uno di questi oggetti, come invito a visitare la mostra a Cologny. Il libro di questo mese è una copia manoscritta della Commedia. Si chiama Guarneri dal nome dei possessori prima di Martin Bodmer e contiene solo l’Inferno e il Purgatorio. Il fatto che prima di Martin Bodmer abbia appartenuto ad altri è un dettaglio importante, perché garantisce che non si tratta di un falso.

Secolo in cui di Dante è stato fabbricato tutto: anche la maschera funebre resa celebre nell’ultimo romanzo di Dan Brown. La carta di questo manoscritto presenta due filigrane simili a quelle adoperate in documenti datati tra Montpellier e Siena negli anni Trenta del Trecento. Le filigrane metalliche per fabbricare i fogli di carta si sgualciscono presto e coloro che producono la carta bambagina modificano via via i loro modelli. E a un certo punto alcuni disegni di filigrana non circolano più. La moda e le sue leggi, la durata relativa delle officine umane ci consentono dunque di dare fiducia storica alla testimonianza di una filigrana. Se poi la presenza solo delle due prime cantiche è la condizione originale di questo codice, cioè se il Paradiso manca da sempre nel codice Guarneri, e non è stato tolto o distrutto a un certo momento della storia di questa copia, questo manoscritto diventa ancora più interessante.

Una Commedia incompleta

Alla morte di Dante a Ravenna il 13 settembre 1321 la Commedia non era infatti completa. Vivo Dante circolarono solo Inferno e Purgatorio. Un viaggio di soli quattro giorni, come ricorda un appunto del copista al f. 162v, ultimo foglio del libro Guarneri. In questa pagina una spiegazione schematica distingue a quali giorni del viaggio di Dante nell’aldilà corrispondono i canti del Purgatorio, “secondo libro della Commedia di Dante Alighieri di Florentia. Deo gratias”. A detta di Boccaccio la prima copia completa della Commedia di Dante, con gli ultimi tredici canti del Paradiso miracolosamente ritrovati da Iacopo Alighieri grazie a una visione in sogno del padre morto circolò solo a partire dal 1322. Prima di morire, Dante aveva nascosto la parte più straordinaria e sconvolgente del suo libro.

Paola Allegretti

Paola Allegretti fa parte del Consiglio Scientifico della Società Dantesca Italiana (Firenze) e ha pubblicato Dante Alighieri, La canzone “montanina” (Verbania, Tararà, 2001), per l’Edizione Nazionale delle Opere di Dante Alighieri l’edizione critica Fiore, Detto d’Amore (Firenze, Le Lettere, 2011), Adespositi, prosimetri e filigrane. Ricerche di filologia dantesca (Ravenna, Longo Editore, 2013), Il dossier di Avignone, 9 febbraio 1320-11 settembre 1320 (Firenze, Le Lettere, 2020), Dante scopre l’Europa (Firenze, Firenzefiera, 2021).

Related Posts

La Fabrique de Dante: con Virgilio e gli scialacquatori

La Fabrique de Dante: con Virgilio e gli scialacquatori

La Fabrique de Dante: la deposizione giurata

La Fabrique de Dante: la deposizione giurata

Dante visto da Botticelli

Dante visto da Botticelli

Dante visto da Paola Allegretti Gorni

Dante visto da Paola Allegretti Gorni

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti