La Fondation Parallèle: un ricco spazio culturale

La Fondation Parallèle: un ricco spazio culturale

Alla curva della strada, al numero 5 della Route Cantonale a Saint-Maurice, un enorme edificio si staglia contro una foresta di pini erbacei conosciuta nella regione come il Bois Noir. Questa enorme casa di 1200 m2 su più livelli ospita la Fondation Parallèle.

Questa Fondazione è attiva da più di dieci anni nel campo culturale. Tra le sue numerose azioni, sostiene artisti al di fuori dei circuiti tradizionali, così come altri artisti più affermati o più giovani. La Fondazione sostiene anche le associazioni di cinema d’arte.

Nella poesia, per esempio, con il suo sostegno al Festival di poesia di Martigny. Sostiene anche il teatro con diversi gruppi del Vallese che si sono formati nei migliori conservatori di Parigi e Berlino.

“Infatti, – riassume Edouard Hegetschweiler, membro del consiglio della Fondazione, – attraverso le nostre varie azioni, vogliamo incoraggiare lo sviluppo personale e la creatività. E per incoraggiare progetti locali nel campo della cultura, del tempo libero e di altre attività che promuovono lo scambio di cultura in tutte le sue forme. Inoltre, sosteniamo progetti originali basati sulla cultura nel senso più ampio del termine e in uno spirito di tolleranza, apertura e creatività”.

Dopo diversi anni come delegato del CICR, questo umanista ha ri-orientato la sua carriera come gestore patrimoniale presso la banca privata svizzera Lombard Odier. Attraverso le sue attività professionali, Edouard Hegetschweiler è stato rapidamente coinvolto nel mondo delle fondazioni. “In questa banca di gestione patrimoniale, la filantropia faceva parte delle mie attività – spiega. Avevo una clientela che cercava un significato nei propri beni. Ho potuto creare una fondazione per i sordi e gli audiolesi, un’altra dedicata alla musica e altre. L’intervista si svolge nella sala principale dell’edificio in ristrutturazione”.

Fondation Parallèle

Un nuovo inizio

Dopo più di dieci anni di attività, la Fondation Parallèle prende una nuova piega, anche se gli obiettivi rimangono gli stessi. Un nuovo team arriverà presto per gestire il centro culturale appena rinnovato e i mercati estivi e natalizi, così come le feste, la musica e il teatro.

Una bella sala da concerto è stata costruita sopra l’edificio. Per arrivarci, bisogna uscire e prendere un’enorme scala chiamata The Celestial Way. Realizzato interamente in acciaio, questo progetto di Global Opus Management, con sede a Gland, è composto da gradini sovradimensionati che evocano la nostra infanzia. Più largo in basso e più stretto in alto, il contrasto è ancora più evidente e può essere visto da chilometri di distanza.

“Oggi, i servizi sociali sono forniti dallo Stato e dalle nostre tasse – spiega Edouard Hegetschweiler – ma le nostre autorità non possono occuparsi di tutto, come la conservazione di un parco, la cultura nel senso più ampio del termine o altre azioni più specifiche. Ci sono più di 13.000 fondazioni nel nostro paese, e sono soggette al controllo dell’Autorità di vigilanza delle fondazioni. Le nostre azioni devono essere coerenti e conformi a un insieme di specifiche. Mentre lasciamo la sede, ci viene in mente questa citazione che dice che la filantropia che vede le cose fino in fondo è una delle più belle virtù umane”.  

Per gentile concessione di Henri-Maxime Khedoud

lavocediginevra

La Voce di Ginevra è un web magazine di cultura, attualità e informazione e punto di riferimento per tutta la comunità italiana che vive nel Cantone di Ginevra. Si avvale di una redazione giovane e dinamica e di un nutrito gruppo di collaboratori.

Related Posts

Jean Capodistrias a Ginevra

Jean Capodistrias a Ginevra

Il Vittoriale degli italiani

Il Vittoriale degli italiani

Kultura per la pace in Ucraina

Kultura per la pace in Ucraina

Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

Dante Alighieri, il manoscritto Guarneri

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti